Guida alla scelta del piano di lavoro per una cucina

Piano in pietra

Guida alla scelta del piano di lavoro per una cucina

Come scegliere il top migliore per la tua cucina

La scelta di un piano di lavoro per cucina, il cosiddetto «top», è una delle più difficili da compiere, in quanto ci sono due fattori principali da considerare: l’estetica e la funzionalità.

Bisogna cercare infatti un design che si accordi con lo stile dell’intero ambiente, non trascurando però l’aspetto pratico, perché un buon piano deve essere resistente e adatto al tipo di uso che ne faremo: chi lavora direttamente sul top avrà richieste diverse da chi utilizza un tagliere, e così via. Infatti diversi materiali rispondo in modo più o meno efficace ai requisiti di resistenza e robustezza, perciò è bene valutare le specificità tecniche di ciascuno prima di compiere una scelta.

Premesso che il piano perfetto, quindi che assolve tutte le richieste dell’utente, non esiste, il primo passo da compiere è allora quello di esaminare il proprio modo di utilizzare la cucina e di conseguenza evidenziare quelle che sono le abitudini principali, per poi scegliere il materiale più adatto alle nostre esigenze.

Negli ultimi anni il mercato in questo campo si è molto sviluppato e il buon vecchio laminato è stato affiancato da nuovi materiali di ultima concezione, elaborati tecnologicamente, il cui nome – spesso di fantasia – non aiuta il cliente a comprenderne la reale composizione.
Di seguito elenchiamo gli otto materiali principali da utilizzare per un piano di lavoro:

TOP CUCINA in LAMINATO

Piano in laminatoIl laminato è il materiale più utilizzato e conosciuto per i piani cucina: si tratta di un sottile foglio di resina melaminica e fenolica (HPL) applicato su un supporto in truciolare o in multistrato. Grazie all’ampia scelta di finiture – addirittura alcune possono imitare l’estetica di altri materiali come il legno e la pietra naturale – e alla vasta gamma di colori in cui può essere realizzato, è estremamente poliedrico.

Le qualità principali sono il costo contenuto (essendo un materiale povero), la resistenza alle macchie di sugo, caffè, limone o vino sempre presenti sui piani delle nostre cucine, ma anche la grande facilità di igienizzazione e pulizia delle superfici anche da macchie di unto particolarmente resistenti.

Per quanto riguarda gli svantaggi, il principale per questo materiale è la scarsa resistenza al calore: di conseguenza non si potranno appoggiare pentole calde direttamente sul piano, ma servirà un sottopentola; inoltre è poco resistente a contusioni, graffi e scheggiature da coltello.
Se optate per questo piano, ma temete queste ultime problematiche sempre meglio richiedere un laminato con finitura goffrata e non liscia che da’ maggiore garanzia di resistenza.

TOP CUCINA in GRANITO

Uno dei materiali più nobili per realizzare il piano di lavoro è sicuramente il granito, termine generico che comprende tutte le pietre di origine magmatica, che si differenziano per colori, venature e inserzioni con altri minerali, e che hanno caratteristiche uniche. Infatti il grande valore aggiunto di scegliere un materiale naturale è che ogni lastra si presenta diversa dall’altra e questo renderà particolare e unica la vostra cucina.

Scegliere un piano in pietra vi consentirà anche di poter manipolare, tagliare, impastare o di appoggiare pentole direttamente sul piano, grazie alla loro elevata resistenza al calore e ai graffi.

Inoltre queste pietre hanno un’ottima resistenza agli acidi, come limone e aceto, ma non tollerano bene le macchie di caffè, sugo, o olio se lasciate a lungo, poichè hanno una porosità naturale che ne permette l’assorbimento. Normalmente i graniti vengono trattati con impregnanti (tradizionali o nanotecnologici) che ne diminuiscono l’assorbenza ma non occludono completamente i pori.
Il nostro consiglio è di ripetere il trattamento una volta l’anno, questo garantirà lunga vita ai vostri piani naturali.

TOP CUCINA in MARMO

Piano in marmoSempre parlando di materiali naturali uno dei più utilizzati da sempre per i piani delle cucine è il marmo, che a differenza dei graniti, ha origine calcarea che lo rendono relativamente morbido e facile da lavorare. Anche in questo caso le tante sfumature di colore e la presenza o meno di venature rendono questo materiale unico.

Perchè scegliere questo materiale ? Se chiediamo alle nostre nonne che piano utilizzavano per impastare la risposta è: sul marmo, nello specifico su marmo di Carrara, che, grazie ad una caratteristica intrinseca, è freddo al tatto e non permette agli impasti di attaccarsi. Quindi se amate fare la pasta fatta in casa o i tortellini questo è il piano che fa per voi, e dovrete chiudere un occhio sui piccoli difetti come la scarsa resistenza alle macchie, agli acidi di limone, pomodoro o caffè e lo dovrete amare per la sensazione di vissuto dato dalle piccole imperfezioni che solo questo materiale può regalare.

TOP CUCINA in VETRO

Piano in vetroUno dei materiali più nuovi e di impatto per realizzare i piani delle cucine è il vetro. Per i tanti a cui la parola vetro dà l’idea di fragilità, ci permettiamo di dissentire, poiché il vetro è un materiale prodotto dalla fusione di sostanze naturali come la silice e l’allumina e ha una capacità elastica intrinseca che fa sì che risponda molto bene agli urti nel caso sia temperato. La tempera è un secondo processo riscaldamento a cui viene sottoposta la lastra che oltre a conferirle maggior resistenza, la rende anche più sicura, perché in caso di rottura si frantuma in tanti piccoli pezzi non taglienti.
Per i più scettici presso i centri Valcucine si può provare con mano questo esperimento, far cadere una palla di acciaio di mezzo chilo, da un’altezza di 2 metri al centro del piano, e constatare la grande resistenza all’urto di questo materiale (attenzione come per tanti altri piani, il bordo frontale richiede attenzione perché più delicato).

Oltre a questo enorme pregio i suoi «plus» principali sono la facilità di pulizia e la garanzia di igienicità abbinate ad un aspetto estetico di sicuro impatto, che grazie alle tantissime colorazioni presenti sul mercato e alle diverse finiture, lucido per creare un ambiente molto pulito e tecnico o satinato per creare ambienti più morbidi e accoglienti permette di abbinarsi perfettamente allo stile di casa moderno.

TOP CUCINA in CONGLOMERATO DI QUARZO

Piano in conglomeratoTra i tanti materiali sintetici con i quali si realizzano piani per cucine i più noti sono: Stone, Okite, Silestone, Caesar Stone, Santa Margherita e Cristalite. Questi prodotti, i cui nomi derivano dalle varie aziende produttrici, sono tutti conglomerati di quarzo, ma si differenziano per il contenuto alto o basso di resine.

I piani a basso contenuto di resine, come quelli prodotti da Stone, sono sicuramente i migliori, sia come impatto estetico che come funzionalità del prodotto. Sono costituiti da un’altissima percentuale di minerale (superiore al 90%) che gli conferisce una durezza e resistenza simile al granito, sono inoltre impermeabili ai liquidi e resistente agli urti, unica pecca non tollerano bene le alte temperature per cui è necessario l’utilizzo del sottopentola.
Quando scegliere un piano di questo tipo ? In generale quando si desidera un piano con caratteristiche simili al granito, ma si vuole la certezza del risultato, infatti a differenza delle pietre naturali sempre diverse e uniche questi materiali hanno un’ampia gamma di finiture garantite tra le quali scegliere.

I piani ad alto contenuto di resine, come l’Okite, hanno il vantaggio di essere facilmente lavorabili e saldabili, quindi danno la possibilità di integrare la vasca del lavello, e di ripristinare gli eventuali graffi. Molto comodi quindi se si ama gestire la cucina in modo libero e senza preoccupazioni. Largo spazio anche alla scelta estetica, le tante miscele di quarzi permettono di ottenere infinite variazioni cromatiche e rendono questo materiale così ricercato.

TOP CUCINA in CORIAN

Piano in corianIl corian è un materiale di ultima generazione ed è anch’esso un agglomerato, ottenuto da una miscela di minerali naturali, pigmenti e polimeri acrilici, macinati sottilmente, che rendono il piano perfettamente omogeneo e privo di porosità. E’ stato studiato inizialmente per ottenere un prodotto ad effetto plastico che potesse essere stampato o lavorato per realizzare forme fino ad allora non ottenibili con i materiali naturali.
Se amate le geometrie tonde, o non avere punti di giunzione questo è il materiale più adatto a voi, infatti è scelto per creare soluzioni uniche di forme tra le più disparate, oltre a permettere di integrare lavelli e paraschizzi nel top.
Il colore per eccellenza è il bianco anche se a campionario se ne trova un’ampia gamma, e viene scelto da chi vuole ottenere uno stile moderno su forme non sempre rigorose o squadrate.

Da notare che comunque si tratta di un materiale relativamente morbido, quindi non permette di tagliare o cucinare direttamente sul piano, e non sopporta bene nemmeno il calore, per questo motivo è sempre bene usare un tagliere o un sottopentola. Se dovesse accadere qualche inconveniente però non abbiate paura, questo materiale è perfettamente ripristinabile.

TOP CUCINA in CERAMICA

La ceramica è da sempre un materiale utilizzato per la casa, tipiche sono le piastrelle sia per interno che per esterno o i rivestimenti per i bagni; di nuova concezione è invece quando si tratta dei piani cucina. E’ uno dei materiali più sicuri dal punto di vista pratico, è assolutamente antigraffio e antimacchia, inerte all’assorbimento di qualsiasi materiale, igienico e reagisce bene al calore, quindi si possono appoggiare tranquillamente pentole o qualsiasi utensile da cucina anche appena tolti dal fuoco. Sembrerebbe il piano perfetto, no ?
I top per cucina in ceramica (Kerlite, Laminam o Lapitec) hanno un unico difetto: non sono resistenti agli urti, per esempio di una pentola o di un vaso di Nutella, se non correttamente supportati. La causa è la disidratazione delle argille che avviene durante la cottura e che rende il materiale poco elastico. Per ovviare a questo inconveniente alcune aziende applicano un supporto di carbonio sotto al materiale, in modo che assorba l’urto ed eviti la rottura del piano.

TOP CUCINA in ACCIAIO

Piano in acciaioUltimo, ma non meno importante, il piano di lavoro in acciaio è uno dei grandi must da sempre.
Utilizzato inizialmente nelle cucine industriali e professionali, è entrato di diritto anche nelle nostre case, in quanto materiale indistruttibile, che non teme le macchie, assolutamente igienico e molto luminoso. Inoltre permette che vasche lavello e piano cottura possano essere saldati a pezzo unico, dando un’immagine solida e senza giunte.

Quando ci si approccia all’acquisto di un piano di questo tipo bisogna però accettare le imperfezioni e i piccoli graffi che si formeranno con l’utilizzo; i primi segni saranno dolorosi, ma poi vedrete che con il tempo la superficie sarà cosparsa da piccoli graffietti che lo renderanno omogeneo e ancora più bello.

 

Riepilogando, la scelta del miglior piano cucina dipende soprattutto dalle proprie esigenze.
Cominciate la ricerca facendo una valutazione dell’ambiente nella sua interezza, scegliendo quei materiali che ben si accordano al resto dell’arredo e valutando se si abbinano alle proprie abitudini e al proprio budget economico. Per creare un ambiente perfetto è necessario bilanciare, funzionalità ed estetica e, a riguardo, un piccolo consiglio sulla tendenza di oggi, che è quella di abbinare piani sottili e tecnici a piani di spessore importante e naturale, in modo da creare un mix eterogeneo tra stile e praticità, che sia oltretutto un valido aiuto all’ergonomia in cucina.

 

Desideri avere il consiglio di un esperto per scegliere il tuo piano cucina?
Contattaci per maggiori informazioni

Share