COME ILLUMINARE CASA

Illuminare casa

Illuminare casa sembra un problema insormontabile: dove è meglio posizionare una lampada in salotto? Che tipo di illuminazione scegliere per la camera da letto? E una volta appurata qual è la lampada più funzionale ce ne sono tantissime tra cui scegliere. In realtà non è così difficile come sembra: il primo passo è quello di definire la disposizione dell’arredamento e di conseguenza individuare le zone che avranno bisogno di una maggiore illuminazione. E’ importante stabilire i punti luce giusti per avere una luce adeguata della stanza e definire quale stile volete dare alla vostra casa. Ricordiamoci che la luce arreda, oltre che sottolineare ed esaltare i materiali: di conseguenza posizionare luci in luoghi poco utili solo perché abbiamo degli spazi vuoti alla fine non porterà a buoni risultati. Ma procediamo con ordine, parlando prima di quali luci siano da inserire nelle varie stanze e poi dei tocchi particolari di giochi di luce che renderanno la tua casa unica.

ZONA DI PASSAGGIO | SCENOGRAFIA PROTAGONISTA

L’ingresso, le scale e i corridoi sono ingiustamente considerate zone di servizio, a cui non è necessario dedicare grande attenzione. In realtà questi spazi offrono molte possibilità per illuminare casa e ottenere effetti wow. In ingresso un ribassamento che inquadra l’ambiente, magari con un faretto incassato, dà il benvenuto e accoglie chi entra con una luce speciale. Lungo le scale, così come lungo qualsiasi linea ben definita della casa, si possono installare delle strip di LED a filo pavimento che ne esaltino il profilo, svolgendo anche l’utile funzione di segna passo.

Per completare questa zona poi possiamo inserire delle sospensioni che si sviluppino in altezza, come nella foto sotto a sinistra, creando una vera e propria scenografia godibile dalle scale ma anche dai due piani che queste collegano. Tocco molto moderno ed elegante, che si adatta benissimo per una situazione di passaggio come questa, è quello di illuminare casa con mensole o nicchie che accolgano libri o oggetti, come la mensola retroilluminata Hang di Desalto, nella foto qui a destra.

ZONA GIORNO | L’ACCOGLIENZA DELLA LUCE

La cucina è il luogo dove la praticità è d’obbligo, anche in fatto di luci: è fondamentale illuminare il piano di lavoro dalle zone sotto i pensili per garantire massimo agio per lavorare; la componente scenografica questa volta dovrà quindi lasciare un po’ il passo alla funzionalità. Per l’illuminazione della zona pranzo, la luce posizionata sopra il tavolo diventa un importante elemento di arredo. Si possono scegliere sospensioni di ogni genere, naturalmente in armonia con l’ambiente, come la lampada a sospensione Q1 di Baxter nella foto qui sotto a sinistra bellissima su un tavolo rotondo, oppure, sempre di Baxter, la sospensione Blade, dall’aspetto lineare e solido, da abbinare a un tavolo rettangolare.

Il living è la zona dove ci rilassiamo a fine giornata o dove riceviamo gli ospiti: illuminare casa per creare un’atmosfera di relax. Di grande tendenza sono i tagli di luce (meglio se dimmerabili) che disegnano geometrie o seguono il perimetro degli ambienti ridisegnandone le architetture. Sono di grande effetto e possono illuminare tutto l’ambiente inoltre ridotte di intensità, diventano soffuse e morbide. In ogni caso il nostro consiglio quando inserite delle strip LED è di utilizzare una temperatura luminosa inferiore ai 3000 K, mai più freddo, perché si rischia di creare un ambiente che ricorda le luci al neon. Accanto a divani e poltrone l’ideale è affiancare luci mirate, a sospensione o da terra, che possano agevolare anche la lettura.

VUOI SCEGLIERE L’ILLUMINAZIONE PERFETTA?
CREA IL PROGETTO GIUSTO PER TE

ZONA NOTTE | LUCI E ATMOSFERE SOFFUSE

Il bagno sta diventando negli ultimi anni sempre più un ambiente di relax: anche l’illuminazione si evolve in quest’ottica, creando giochi di volumi retro illuminati e luci soffuse; ad esempio si può utilizzare una luce radente per illuminare una parete in modo soft, come nella foto sotto a sinistra. Gli specchi e in generale il piano del lavabo invece sono sempre accompagnati da luci più tecniche, perché funzionali. A corredo di una vasca freestanding si può inserire una luce a sospensione per creare un impatto scenografico unendo wellness ed estetica.

La camera da letto è il cuore intimo della casa, l’ambiente privato per eccellenza: non è necessaria una grande illuminazione, piuttosto è meglio inserire diversi punti luce da utilizzare al bisogno. Fondamentali sono sempre le lampade per i comodini che possono essere, da tavolo o a sospensione; possiamo anche sceglierle di materiali differenti tra loro, creando un mix sofisticato e mai banale. Con questa mini guida speriamo sia ora più facile scegliere con consapevolezza come illuminare la casa: l’importante è tenere presente la funzionalità della luce, scegliendo con accortezza e non solo perché affascinati dalla particolarità o la bellezza di una lampada. Prediligete lampade che creano l’atmosfera giusta nei vari ambienti, favorendo il calore e accompagnandole al mood che avete scelto per la casa: l’illuminazione giusta farà la differenza.

ANCHE TU VUOI CREARE ARMONIA TRA LUCI E ARREDO?
SIAMO GLI ESPERTI CHE CERCHI

Richiedi informazioni


Tutti i campi contrassegnati con asterisco (*) sono obbligatori

Privacy Preference Center

    Necessary

    Advertising

    Analytics

    Other